Biblio for future

25

gen


Incontro con il climatologo prof. Filippo Giorgi
a cura di CUBI, Fondazione Cariplo in collaborazione con Libreria Martesana

sabato 25 gennaio ore 15.30

BIBLIO FOR FUTURE

 

BIBLIOTECA CIVICA "FRANCO GALATO" - via Montenero 30

Introduce la Dr. Agr. Alessandra Bossini, coop. Alboran

Il livello del mare si alza inesorabilmente, i ghiacciai e la calotta artica si sciolgono, ondate di calore ed eventi meteorologici catastrofici diventano sempre più frequenti. Tutti questi fenomeni, e molti altri, sono ormai davanti ai nostri occhi e ci pongono domande incalzanti: il clima sta cambiando? Perché? Siamo noi a causare il riscaldamento del pianeta o stiamo assistendo ad un fenomeno naturale? Possiamo fare qualcosa per evitare la "crisi climatica" o abbiamo raggiunto il punto di non ritorno?

Ne "L'uomo e la farfalla: 6 domande su cui riflettere per comprendere i cambiamenti climatici" l'autore affronta queste e molte altre domande in maniera semplice, chiara ed esauriente sulla base dei risultati della ricerca scientifica più avanzata invitando tutti a "gestire l'inevitabile ed evitare l'ingestibile" attraverso un uso più razionale, equo ed efficiente delle risorse del pianeta.


FILIPPO GIORGI (Sulmona, 1959) è un climatologo italiano.
Ha fatto parte dal 2002 al 2008, quale unico scienziato italiano, dell'organo esecutivo (Bureau) del Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC, Comitato Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici), organizzazione vincitrice del Premio Nobel per la pace 2007 insieme ad Al Gore. Nel 2018 ha ottenuto la medaglia Alexander von Humboldt della European Geosciences Union (EGU) per il suo contributo al progresso della scienza nei paesi in via di sviluppo.

Studi
Filippo Giorgi si è laureato in fisica nel 1982 presso l'Università dell'Aquila, con una tesi in Fisica dell'atmosfera, relatore Guido Visconti. Ha ottenuto il Ph.D. nel 1986 presso la School of Geophysical Sciences del Georgia Institute of Technology di Atlanta, Stati Uniti, supervisori W. L. Chameides and R. E. Dickinson.

Carriera
Terminato il dottorato, ha ottenuto una borsa post-dottorato e poi un posto di ricercatore presso il National Center for Atmospheric Research (NCAR) di Boulder, in Colorado, dove è rimasto fino al 1998. Si è quindi spostato al Centro Internazionale di Fisica Teorica (ICTP) di Trieste, dove è stato nominato direttore della sezione di Clima e Fisica Meteorologica, poi divenuta sezione di Fisica della Terra. Ha contribuito alla stesura dei primi cinque rapporti IPCC sui cambiamenti climatici ed i loro impatti, e dal 2002 al 2008 è stato vice direttore del gruppo di lavoro n° 1 (fisica dei cambiamenti climatici) del Comitato Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC). Si occupa di modellistica climatica, soprattutto a scala regionale, interazioni fra clima e chimica atmosferica e interazioni fra clima e biosfera. È autore o coautore di oltre 300 articoli in riviste scientifiche internazionali ed è inserito nella lista del 2001 degli autori più citati (top 0.1%) nel campo delle scienze geofisiche. Nel 2018 ha pubblicato un libro divulgativo sui cambiamenti climatici edito dalla FrancoAngeli ed intitolato "L'uomo e la farfalla. Sei domande su cui riflettere per comprendere i cambiamenti climatici".



In Biblioteca GENNAIO

Incontri letterari in biblioteca

ALLEGATI