Le entrate del Bilancio di previsione 2019-2021


Approvato nella seduta comunale di lunedì 4 marzo il bilancio di previsione 2019-2021 presentato in conferenza stampa martedì 5 marzo nel dettaglio delle cifre. Prevista una spesa corrente pari a 16,2 milioni di euro nel 2019 in coerenza con la spesa corrente assestata pari a 16,7 milioni di euro nel 2018. Un bilancio di conferma ma anche di prosecuzione delle scelte amministrative del precedente mandato che, seppur in uno scenario completamente diverso dal 2013, riassume lo stile amministrativo del lavoro in team: giunta e consiglieri comunali per un confronto sugli obiettivi politici e uffici comunali per la parte tecnica.

«Posso dire senza timore – spiega il sindaco Angelo Stucchi – che le cifre contenute nei diversi capitoli raccontano da una parte il consolidamento di processi avviati e dall’altra l’avvio di percorsi di cambiamento. La centralità è data ai cittadini e al loro benessere, sia come singoli sia come centro di relazioni e comunità da costruire; l’obiettivo è curare e attenuare paure, solitudini, diseguaglianze perché la città sia capace di dare corso a un nuovo modello di sviluppo e di speranza».

La filosofia è molto chiara: nessun aumento di imposte e tributi, più spesa in servizi per cittadini. Nel 2019 per i Gorgonzolesi non aumenteranno addizionale comunale IRPEF, aliquote IMU (con il mantenimento di tutte le agevolazioni già presenti), TASI e TARI. «L’Ufficio Parlamentare di Bilancio – spiega l’assessore al Bilancio Gianni Sbrescia – ha comunicato che in seguito ai provvedimenti contenuti nella legge di bilancio, la pressione fiscale nazionale è aumentata dal 42 al 42,4%. Tuttavia, il fatto che a Gorgonzola la TARI sia rimasta la stessa dell’anno scorso, quando è stata ridotta del 10%, a fronte di un aumento dell’appalto per la gestione del servizio, vuol dire che come Amministrazione abbiamo lavorato sulla pressione fiscale in senso opposto a quanto accade a livello nazionale nell’ottica di riuscire a garantire un livello quantitativo e qualitativo appropriato di servizi alla cittadinanza».

«Da non dimenticare – continua Sbrescia – la lotta all’evasione messa in atto dall’azione competente e puntuale degli uffici. Obiettivo per il 2019 arrivare a un accertamento fiscale di oltre 300 mila euro perché tutti dobbiamo contribuire ai costi dei servizi per la città per poterli pagare di meno e non farli mancare a nessuno».

Infine per quanto riguarda le entrate extra tributarie, destinate a coprire la spesa corrente, la copertura dei servizi a domanda individuale prevista per il 2019 sarà del 63%, in miglioramento rispetto al 61,3% del 2018. Per nidi, Centro gioco, mensa scolastica, CDD e TPL tariffe invariate nel 2019 anche se per il trasporto si valuterà la possibilità di integrazione dei costi del servizio mediante sponsorizzazioni o finanziamenti privati. Per Sezione primavera, Servizi anziani, Servizi disabili e Trasporto scolastico sono state introdotte la tariffazione su base ISEE.

«Abbiamo volutamente aspettato – conclude il sindaco Stucchi – l’approvazione della legge di bilancio 2019 da parte del Parlamento per presentare il Bilancio di previsione della città di Gorgonzola. Questo per improntare alla massima concretezza il lavoro di impegno sui conti pubblici e non chiedere ai cittadini più del necessario».
 

In allegato il comunicato stampa integrale.

ALLEGATI