Sciopero globale per il clima


Il 15 marzo 2019 decine di migliaia di studenti in diverse parti del mondo parteciperanno al “Fridays for Future” o “Climate Strike”, una manifestazione organizzata per chiedere ai governi politiche e azioni più incisive per contrastare il cambiamento climatico e il riscaldamento globale.

Giovanissimi attivisti in 1.325 città del mondo, 140 solo in Italia hanno risposto all’appello dell’attivista sedicenne svedese Greta Thunberg che,  la scorsa estate ha iniziato a protestare ogni venerdì di fronte al Parlamento svedese per chiedere misure più efficaci contro i cambiamenti climatici.

«L’entusiasmo che abbiamo notato in queste settimane tra i movimenti giovanili e tra gli studenti milanesi e lombardi - dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia che collaborerà all'evento metropolitano - è un segnale estremamente positivo perché, anche nella nostra Regioni, si crei un movimento trasversale per il clima. Non abbiamo più tempo per posticipare ancora politiche fondamentali per arrestare la febbre del pianeta. Dobbiamo agire ora e subito!»

La Città di Gorgonzola è accanto agli studenti che si mobiliteranno a Milano con una marcia per il clima che partirà alle 9.30 da largo Cairoli per arrivare in piazza della Scala.

«L’Amministrazione – ha spiegato il sindaco Angelo Stucchi con la firma della Carta di Milano in occasione di EXPO 2015 si è assunta un impegno di responsabilità nei confronti dei temi della nutrizione, della sostenibilità ambientale e dei diritti umani per scelte politiche e sociali che tutelino il diritto al cibo anche per le generazioni future».

«Lo scorso 1 marzo – continua il primo cittadino – eravamo oltre 200, tra adulti e bambini, davanti al Municipio con torce e candele a condividere una cioccolata al buio per testimoniare concretamente l’importanza di razionalizzare i consumi e assumere nel quotidiano degli stili di vita sostenibili perché il pianeta che abiteranno i nostri figli e nipoti dipende dalle scelte che facciamo oggi».