Ordinanze anti alcolici 2019


Per l’estate 2019 il sindaco Angelo Stucchi ha emesso due ordinanze per limitare la vendita e il consumo di bevande alcoliche per contrastare i fenomeni di disturbo alla quiete pubblica, degrado del decoro urbano e scarsa sicurezza per la presenza di persone moleste, a volte aggressive e violente.

L’ordinanza sindacale n. 120 del 2019 vieta il consumo di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione dalle ore 20.00 alle 6.00 da venerdì 5 luglio a lunedì 2 settembre 2019. Valida nello stesso periodo ma dalle ore 21.00 alle ore 6.00, l’ordinanza n. 121 del 2019, sempre a firma del primo cittadino, vieta invece la vendita, finalizzata all’asporto e al consumo, di tutti gli alcolici per gli esercizi di vicinato, medie e grandi strutture.

Confermate, da segnalazioni ed esposti dei cittadini a Polizia locale e Carabinieri, la validità sulle aree di seguito elencate: via Monsignor Cazzaniga, piazza De Gasperi, via Guglielmo Marconi, piazza Europa, via Giacomo Matteotti, nonché piazza Italia, vicolo Corridoni, piazza della Repubblica, piazza Garibaldi e altri luoghi di aggregazione quali parchi pubblici aperti e piazzali antistanti luoghi di culto – a cui vanno ad aggiungersi le aree oggetto di nuovi insediamenti abitativi.

Escluse dal divieto le aree di consumo dei pubblici esercizi ove sono consentiti la somministrazione e il consumo sul posto con il servizio al tavolo, facendo appello alla serietà degli esercenti, e durante le manifestazioni organizzate, singolarmente regolamentate dalla Pubblica amministrazione, così da favorire un consumo consapevole delle bevande nei locali e durante gli eventi.

I provvedimenti rientrano nella strategia di prevenzione e contrasto di situazioni che, a partire dal fenomeno dell’abuso di alcol, favoriscono l’insorgere di episodi criminosi o di illegalità, ma anche dall’urgente necessità di interventi volti a superare situazioni di degrado del territorio e della vivibilità urbana, con particolare riferimento alle esigenze di tutela della tranquillità e del riposo dei residenti. Per questi motivi i divieti proibiscono l’abbandono di bottiglie di vetro, lattine e/o altri contenitori vari al fine di evitare di ledere il decoro, ma anche l’incolumità delle persone che frequentano o transitano in tali aree pubbliche.

ALLEGATI