Mamma Lingua con Gorgonzola partecipa


Mamma Lingua nasce, all’interno di Nati per Leggere, come bibliografia di 127 libri per bambini in età prescolare nelle sette lingue maggiormente parlate in Lombardia (albanese, arabo, cinese, francese, inglese, rumeno, spagnolo) e sbarca a Gorgonzola grazie a un patto di collaborazione del progetto dedicato ai beni comuni “Gorgonzola partecipa”. A proporlo l'argentina Monica Caudana con la marocchina Ghizlene Hamdi che sentono l'esigenza di cercare altre mamme straniere residenti in città per proporre letture madrilingua.

È stato dimostrato che leggere ad alta voce ai bambini fin dalla più tenera età è un’attività molto coinvolgente in grado di rafforzare la relazione adulto-bambino e che l’ascolto di due o più lingue costituisce una grande opportunità per lo sviluppo cognitivo e sociale. Inoltre esporre il bambino a più lingue, quella materna e quella del Paese che lo ospita, rafforza il suo senso di identità ed aumenta la sua autostima.

«Per Gorgonzola – hanno spiegato le due promotrici – si tratta di un’occasione per far scoprire ai bambini italiani che esistono lingue differenti dalla propria affinché si sentano cittadini del mondo, e al tempo stesso un’opportunità per valorizzare la lingua madre dei bambini con genitori stranieri, che a volte si sentono quasi “in imbarazzo” a impiegarla».

«La ricerca di lettori volontari nelle diverse lingue delle comunità straniere presenti nel territorio – ha spiegato Monica Catellani, responsabile della Biblioteca Civica “Franco Galato” – ha fatto scoprire ed avvicinare al nostro servizio persone e risorse inaspettate, unite dal desiderio di leggere nella propria lingua d’origine o di raccontare i classici per la lettura dell’infanzia in lingua qualora l’edizione non fosse in nostro possesso».

Il progetto Mamma Lingua a Gorgonzola prenderà ufficialmente avvio venerdì 21 febbraio alle 16.30 con l’inaugurazione dell’omonimo scaffale contenente una settantina di volumi in lingua originale a disposizione dell’utenza oltre che dei lettori volontari. Tuttavia l’obiettivo della Biblioteca è quello di alimentare il catalogo dedicato, oltre che con gli acquisti, con le donazioni di libri per bambini in lingua originale da parte dei cittadini: letture per l’infanzia ormai non più adatte all’età dei propri figli da donare al progetto Mamma Lingua perché qualcun altro ne possa godere, o veri e propri regali alla biblioteca comprati durante i viaggi nei Paesi d’origine per permettere di avere in catalogo le novità