Contributi per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati

Servizio attivo

Regione Lombardia eroga contributi messi a disposizione dal Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili ai Comuni della Lombardia per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati.


A chi è rivolto

Possono presentare domanda di contributo:

  • i portatori di menomazioni o limitazioni funzionali permanenti relative alla deambulazione e alla mobilità compresa la cecità, oppure, se residenti in immobili privati già esistenti alla data dell'11 agosto 1989, coloro che hanno a carico tali persone;
  • gli amministratori di condominio dove risiedono tali persone, in caso di interventi sulle parti comuni di un edificio (esempio: ingresso di un condominio);
  • i centri o istituti residenziali pubblici o privati per immobili destinati all'assistenza dei disabili.

Per la richiesta di contributo per interventi all'interno dell'abitazione, se il portatore di handicap è in affitto deve essere acquisito il consenso del proprietario.

Nel caso in cui i lavori siano da effettuarsi in parti comuni è necessario richiedere l'autorizzazione dell'assemblea condominiale.

Descrizione

Le domande finanziabili riguardano situazioni di “svantaggio” certificate da apposita certificazione medica.
Non sono finanziabili le richieste di “migliorie”, ma solo gli adeguamenti per il superamento delle barriere architettoniche.
Non sono finanziabili le richieste di ampliamento che comportano aumento di volumetria e interventi di manutenzione.
E’ possibile richiedere un contributo per opere interne all’alloggio e un contributo per opere esterne e per il posizionamento di meccanismi di sollevamento, presentando due domande. In caso di opere funzionalmente connesse tra loro, è sufficiente una domanda unica.

Come fare

La domanda di contributo, unitamente ai relativi allegati, deve essere presentata presso l’Ufficio Protocollo.

Cosa serve

Per la presentazione della domanda di contributo occorre scaricare e compilare i moduli allegati:

  • se l'edificio è stato costruito prima dell'11 agosto 1989, utilizzare il Modulo 1 e per la dichiarazione sostituita dell'atto di notorietà il Modulo 1.1;
  • per gli edifici costruiti dopo l'11 agosto 1989, utilizzare il Modulo 2 e per la dichiarazione sostituita dell'atto di notorietà il Modulo 2.2;

Alla domanda ed alla dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà occorre allegare:

  • il certificato medico che attesti l'handicap;
  • il certificato rilasciato dall'ASL per avere la precedenza in graduatoria, in caso di invalidità totale;
  • copia di un documento di identità in corso di validità e codice fiscale del richiedente.

Cosa si ottiene

La domanda è volta ad ottenere la liquidazione del contributo per il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici residenziali privati.

Tempi e scadenze

La domanda può essere presentata entro il 1° di marzo di ogni anno affinché questa rientri nella dotazione finanziaria dell'annodi riferimento.

Quanto costa

È richiesta una marca da bollo da 16 euro da apporre sulla domanda.

Vincoli

La domanda di rimborso potrà essere liquidata da parte del Comune solo dopo la verifica dei requisitidi ammissibilità.

Accedi al servizio

Documenti

Ulteriori informazioni

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Contatti

Unità Organizzativa responsabile
Argomenti:

Ultimo aggiornamento: 17/03/2024, 16:11

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Rating:

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri
Icona